Ho concettualizzato la vita di ognuno di noi immaginandola come una linea. A volte ne seguiamo la direzione, a volte siamo noi stessi che la scegliamo. Entrando nello Spazio CHANgE, le nostre linee si fondono, scegliendo di seguire una direzione comune verso la bellezza. Una bellezza quale risultato di un’esperienza sensoriale completa, fatta di materiali, forme, suoni, luci, profumi. Ho immaginato una linea nera senza soluzione di continuità, in grado di accompagnare il cliente all’interno dello spazio CHANgE.

Fabio Schiavone – Architetto
Filippo Solazzo – Project Manager